Scuola Popolare di Musica di Testaccio

Articolo a firma di Enrico Pieranunzi e Bruno Tommaso pubblicato sulle pagine del quotidiano l’Avanti! (10 giugno 1979) riguardante la Scuola Popolare di Musica di Testaccio a Roma

Nata verso la fine del 1975, la Scuola Popolare di Musica di Testaccio coinvolge artisti e personalità della cultura provenienti da contesti eterogenei: Bruno Tommaso, Enrico Pieranunzi, Maurizio Giammarco, Tommaso Vittorini, Martin Joseph, Giancarlo Schiaffini, Michele Jannaccone, Eugenio Colombo, Roberto Gatto, Giovanna Marini (cantautrice e ricercatrice etnomusicale della tradizione popolare italiana), Massimo Bartoletti (diplomato in tromba presso il Conservatorio di Santa Cecilia di Roma), Paolo Damiani, Lisi e Silvana Natoli e i membri della Cooperativa Teatrale Spazio Zero (teatro di impronta sperimentale situato in una “tenda” itinerante nel quartiere Testaccio)

In quegli anni la scuola rappresenta un punto di aggregazione artistica in cui trovano spazio insegnamenti trasversali accanto allo studio degli strumenti tradizionali, laboratori di musica jazz e sperimentale e studio dell’etnomusicologia

L’obiettivo dei fondatori dell’SPMT era quella di mettere insieme fisionomie culturali difficilmente assimilabili nel concetto istituzionale dell’epoca

Contributo condiviso da Enrico Pieranunzi

keyboard_arrow_up