Sedi

Un ambiente internazionale, con sedi a Roma e Milano

Il Saint Louis viaggia per l’Italia e per il mondo, con i suoi musicisti impegnati sempre in eventi e concerti, ma ha scelto le due città più importanti del Paese, Roma e Milano, come sede dei suoi corsi.

La scuola di musica a Roma, dove il Saint Louis nasce nel 1976,  ha quattro sedi nel cuore della città (tutte nel Rione Monti, tra il Colosseo e Via Nazionale), ed è dotata di 50 aule multifunzione e 5 studi di registrazione per la didattica e per le produzioni discografiche.
La sede Saint Louis di Milano occupa l’edificio La Stilo del Bodio Center vicino ai vivaci quartieri di Bovisa e Isola, un Hub creativo all’interno di un processo di riqualificazione di tutta l’area circostante, un luogo che mette in rete realtà diverse ma complementari nei campi della creatività come RUFA e SPD Scuola Politecnica di Design.

SEDI DI ROMA
sede principale – segreteria didattica e amministrativa

Via Baccina, 47 | 00184 Roma

sedi operative
via Urbana, 49/a | 00184 Roma
via del Boschetto, 106 | 00184 Roma
via Cimarra, 19/b | 00184 | Roma

SEDE DI MILANO
Viale Luigi Bodio, 37 | 20158 Milano
Piazzale Lugano, 19 | 20158 Milano

Clicca sulla mappa della sede di tuo interesse e scopri come raggiungerci

ROMA

MILANO

Domus romana nei sotterranei del Saint Louis

Negli ambienti sotterranei che si sviluppano sotto i locali della sede Saint Louis di via baccina, a Roma, sono state riportate alla luce strutture murarie antiche, in particolare una Domus Romana: un grande patrimonio risalente al I secolo d.C. ricco di mosaici, mura ottimamente conservate e un affresco. Il Saint Louis ha avviato il progetto di recupero della Domus, al fine di renderla fruibile agli studiosi e al pubblico. Lungo Via del Grifone si susseguivano una serie di ambienti riconducibili, sulla base delle caratteristiche edilizie, a strutture commerciali e magazzini, posti al pian terreno di un grande edificio, verosimilmente una delle insule che le fonti antiche ci ricordano caratterizzare quest’area della Suburra. Le stanze, che si sviluppavano parallele all’asse stradale di Via Baccina, presentano sulle pareti in opera laterizia, tracce delle porte e delle finestre che furono obliterate da interventi successivi. La copertura, realizzata con volte a botte, è completamente scomparsa ma le sue tracce si conservano in modo molto evidente sulle pareti più interne, insieme a parte delle murature del piano superiore.

Negli ambienti adiacenti, solo parzialmente indagati fino al piano pavimentale, si riconoscono invece strutture con funzione abitativa di un certo pregio, risalenti all’età antonina. Una grande stanza rettangolare, coperta con volta a botte e con ampie aperture sulle pareti lunghe, conserva ampi tratti della pavimentazione musiva originale ad esagoni bianchi e rombi neri alternati, mentre si conservano in situ alcune formelle in giallo antico, palombino, ardesia e bigio antico del pavimento in opus sectile con lo stesso motivo decorativo del mosaico, che caratterizzava lo spazio compreso tra le aperture.

In un secondo ambiente, con pavimento a mosaico decorato con motivo a scacchiera di quadrati alternati bianchi e neri, risaltano, sulla decorazione pittorica ad affresco conservata su due delle pareti originali, partiture con motivi decorativi floreali e la figura di un piccolo uccello.
Dall’analisi di alcuni mattoni utilizzati per la costruzione della rete fognaria originale si è riscontrato una sorta di “marchio di fabbrica” indicante oltre al produttore anche il nome dei Consoli in carica, ossia Paetino e Aproniano. Questa indicazione consente di definire l’anno esatto di produzione, trattandosi del consolato del 123 d.C. ma ovviamente avremo certezze al riguardo una volta terminati gli studi da parte della Soprintendenza Archeologica.

keyboard_arrow_up