JAMMIN’

Jammin’ è la rassegna promossa dal Saint Louis College of Music, dedicata ad artisti emergenti e alla scoperta di nuovi talenti in ogni ambito musicale.

Jamming 2022 giunto alla sua XX edizione, il Festival, con la direzione artistica di Stefano Mastruzzi e Francesca Gregori, nel corso degli ultimi venti anni ha promosso la sperimentazione a livello internazionale e i migliori artisti emergenti italiani, dando spazio alla più variegata offerta musicale di multi-versi sonori. Javier Girotto e Natalio Mangalavite saranno le Special Guest dell’edizione Jamming 2022 , tre serate di concerti – 14 , 15 e 16 settembre – sul palco dell’Auditorium Parco della Musica.

Jammin-22

I Concerti

14 settembre

Michele Frascà’ presenta “ALMA”
Special Guest Javier Girotto & Natalio Mangalavite

Michele Frascá Chitarra & voce, Sofia Ara Sax&Flutes, Emanuele Guarnieri Piano, Marco Amarelli Basso, Marco Motta Batteria, Lorenzo Gurini Percussioni, Adriana Marinucci Viola, Giulia Anita Bari Violino, Susanna Rubi Garcia Violoncello, Carla Mulas Violino.

Il progetto discografico “Alma”, uscito per l’etichetta discografica del Saint Louis “Camilla Records”, è il frutto del lavoro di una “giovane” vita. Michele Frascá, chitarrista e leader della ethno-jazz band romana, inizia a comporre i primi brani dell’album d’esordio all’età di sedici anni. Nel novembre 2022 entra in studio di registrazione con gli arrangiamenti scritti di suo pugno. Scrive per quartetto d’archi una ballata, “Aliz” e “Once”, il brano più jazzistico del progetto. I brani piacciono e hanno la particole attenzione di due giganti del Latin Jazz in Italia: Javier Girotto e Natalio Mangalavite. Il 14 Novembre il gruppo entra in studio e con la collaborazione attiva di Mangalavite come direttore artistico e Girotto al Sax, nasce “ALMA”.

15 settembre

Martina Petracca – “Empatia”

Martina Petracca voce, Miriam Petitta chitarra elettrica, Massimiliano Martinelli chitarra acustica, Sara Annecchini tastiera, Laura Candela basso, Ruben Mammano batteria.

Empatia vuol dire “entrare nel sentimento”, e cosa può desiderare di più un musicista quando suona di fronte ad un pubblico?
Martina Petracca, in arte Empatia, è una cantautrice romana, classe 2000, che inizia fin da piccola ad appassionarsi alla musica.
Comincia all’età di 9 anni a studiare canto ed in seguito chitarra e pianoforte.
Finito il liceo, si iscrive alla Facoltà di Lettere Moderne presso La Sapienza di Roma e contemporaneamente studia Canto nel dipartimento Jazz del Conservatorio Saint Louis College Of Music.
Comincia a scrivere canzoni fin da adolescente, ispirandosi alle sue letture, ai cantautori italiani e a scene di vita quotidiana che respira nel suo quartiere romano.
Coltiva diverse passioni, tra cui la pittura, la fotografia e una spiccata propensione per l’ambiente.

Empatia

Beatrice La Sala

Beatrice La Sala voce e chitarra, Andrea Rosatelli basso, Bernardino Ponzani batteria

Beatrice La Sala, classe 1998, si appassiona alla musica da piccola scegliendo la chitarra come suo strumento. Sin dai primi anni del liceo ricerca la possibilità di esprimersi attraverso la musica, inizia così a scrivere e comporre.
Dopo le prime esperienze in band, vola a Roma per intraprendere gli studi al Saint Louis College of Music.
Inizia un’intensa attività di crescita, di esperienza live nei club e di lavoro social; proprio su questi ultimi viene notata da Andrea Rosatelli, che le propone una produzione. Si unisce infine Bernardino Ponzani, alla batteria, donando al progetto un sound nettamente rock.
Da questo connubio artistico il progetto comincia a prendere forma e subito si fa notare per l’originalità e l’energia, diversi marchi si fanno avanti per supportare la produzione, tra cui D’Angelico Ny Guitars e Anatomy of Sound. Di recente viene selezionata come opening del Live Rock Festival di Acquaviva (Siena).
“Voce tagliente, chitarra che sa essere ruvida e passionale, Beatrice La Sala è a suo agio tanto con gli stilemi della black music, quanto con gli echi europei. Un trio solido e ben rodato.”
Oggi la cantautrice ha il suo primo disco pre-prodotto e pronto ad entrare in studio.

Beatrice-La-Sala

Sils

Silvia Iannacci chitarra, piano e voce, Natascha Giustini chitarra, Andrea Rosatelli basso, Roberto Palladino batteria.

Sils, nome d’arte di Silvia Iannacci, è una cantautrice di Terracina, classe ‘96. Sin da piccola mostra una grande propensione all’arte e soprattutto alla musica. Tale passione la spinge verso lo studio della musica e la scrittura. Da sempre si divide su diversi strumenti come la batteria, la chitarra, il pianoforte e la voce.
Sta lavorando al suo primo disco e il primo inedito uscirà a breve.

Urban-Quartet

16 settembre

Urban Quartet

Gianluca Robustelli Chitarra, Giuseppe Sacchi Pianoforte, Vincenzo Quirico Contrabbasso, Federico Balestra Batteria

Jamming 2022 presenta, Urban Quartet è un gruppo formato da Gianluca Robustelli (chitarra), Giuseppe Sacchi (pianoforte), Vincenzo Quirico (contrabbasso) e Federico Balestra (batteria).
Nato tra l’incontro dei quattro durante le varie jam session romane, la sonorità del gruppo affonda le proprie radici nel jazz mainstream, senza però precludere la porta ad alcun tipo di contaminazione. Il repertorio è composto da standard tratti dal song book americano, original dei grandi maestri del jazz e composizioni originali.

Alessio-Mazzei-Quintet

Alessio Mazzei Quintet

Alessio Mazzei chitarra, Emanuele Bono piano, Emanuela Maglione voce, Ludovico Aru contrabbasso, Federico Balestra batteria.

Formatosi fra le fila del Saint Louis, il chitarrista Alessio Mazzei si cimenta da subito nella composizione di brani originali affinando pian piano la sua scrittura. Il suo stile parte dal jazz ma si muove decisamente verso altri generi quali rock/pop/progressive, allontanandosi dalla tradizione bebop. Attraverso i suoi brani il compositore dipinge immagini tratte dal suo vissuto e dalle esperienze collezionate in giro per il mondo.

A Quintet

“A” Quintet

Emanuela Maglione voce, Valerio Apuzzo tromba, Emanuele “Manny” Fioretti pianoforte, Vincenzo Quirico contrabbasso, Federico Balestra batteria.

“A” Quintet è una formazione che si propone al Jamming 2022, composta da giovani musicisti italiani attivi sulla scena romana, nata nel 2021 da un’idea di Emanuela Maglione (voce) e Valerio Apuzzo (tromba).

Completano l’organico il pianista Manny Fioretti e la consolidata sezione ritmica costituita da Vincenzo Quirico (contrabbasso) e Federico Balestra (batteria).
Il quintetto spazia dall’interpretazione di ricercati jazz tunes alla poliedricità del jazz contemporaneo, coniugato anche in brani originali a firma individuale e collettiva.
Focus principale del gruppo è senz’altro l’improvvisazione, qui strumento di dialogo declinato nelle sue molteplici forme ed articolato in un percorso che, partendo dal jazz della tradizione americana, ci conduce alle sonorità del primo ventennio di questo nuovo millennio.

keyboard_arrow_up