Masterclass anno 2003

Masterclass anno 2003, il Saint Louis Music Center ha ospitato una serie di straordinarie Masterclass tenute da artisti nazionali e internazionali, gli allievi hanno avuto l’onore di apprendere direttamente dai migliori nel loro campo, affinando le proprie abilità e guadagnando preziose prospettive. Masterclass anno 2003 hanno plasmato il loro percorso artistico e hanno contribuito a definire il futuro della musica a Saint Louis.

JOHN PATITUCCI

John Patitucci è acclamato come “miglior bassista jazz” dalla rivista Bass Player. Il suo virtuosismo e la sua creatività lo distinguono nel panorama musicale. Oltre alla sua carriera da solista, ha collaborato con leggende del jazz come Chick Corea e Wayne Shorter. La sua passione si estende anche all’insegnamento, conducendo seminari e scuole di musica globalmente. La sua influenza si estende ben oltre il palcoscenico, ispirando generazioni di musicisti con la sua maestria e il suo impegno nell’eccellenza musicale. John Patitucci incarna l’essenza del basso jazz, trasmettendo una profonda connessione emotiva attraverso le corde.

ENRICO RUGGERI

Ha fondato i Decibel, Enrico Ruggeri. Nel 1978, il primo album “Punk”, pubblicato per la Spaghetti Records, delude le aspettative con poche vendite. Dopo il singolo “Indigestione disko” e il ritorno di Silvio Capeccia alle tastiere, il gruppo abbandona il punk per avvicinarsi al successo. Nel 1980, partecipano al Festival di Sanremo con “Contessa”, consacrando la loro fama. Ruggeri si distingue come autore e interprete, contribuendo a ridefinire il panorama musicale italiano con il suo talento e la sua versatilità.

GAVIN HARRISON

Gavin Harrison entra a far parte dei Dizrhythmia, insieme a Jakko Jakszyk, Danny Thompson e Pandit Dinesh. Il nome del gruppo deriva dal termine scientifico per il jetlag. La loro musica fonde elementi di jazz e funky in un contesto che richiama il rock progressivo. La creatività e la maestria di Harrison alla batteria contribuiscono a definire il suono distintivo della band, offrendo un’esperienza musicale innovativa e coinvolgente. Con i Dizrhythmia, Harrison dimostra la sua versatilità e il suo talento nell’esplorare nuovi territori musicali, anticipando le tendenze del futuro con la sua visione audace.

NNENNA FREELON

Nnenna Freelon partecipò al meeting sul jazz della Southern Arts Federation, dove incontrò Ellis Marsalis. Questo incontro segnò un momento significativo nella sua carriera musicale. L’incontro con Marsalis, noto per essere stato una figura di spicco nel mondo del jazz e un mentore per molti artisti emergenti, fu un’opportunità preziosa per Freelon. Da quel momento, la sua carriera prese una svolta importante, con l’influenza e il sostegno di Marsalis che contribuirono al suo sviluppo artistico e alla sua crescita come musicista.

SCOTT HENDERSON

Scott Henderson fu reclutato come chitarrista per la Chick Corea Elektric Band insieme a Carlos Rios, ma la sua permanenza durò solo tre mesi a causa di divergenze con Chick Corea riguardo all’adesione del tastierista alla Scientology. Henderson venne sostituito da Frank Gambale. Nel 1984, fondò il gruppo fusion Tribal Tech con Gary Willis al basso, Kirk Covington alla batteria e alla voce, e Scott Kinsey alle tastiere. Questa formazione divenne celebre per la loro innovativa fusione di jazz, rock e elementi elettronici, contribuendo a definire il suono della fusion contemporanea.

keyboard_arrow_up