Masterclass anno 2007

Masterclass anno 2007, il Saint Louis Music Center ha ospitato una serie di straordinarie Masterclass tenute da artisti nazionali e internazionali, gli allievi hanno avuto l’onore di apprendere direttamente dai migliori nel loro campo, affinando le proprie abilità e guadagnando preziose prospettive. Queste esperienze hanno plasmato il loro percorso artistico e hanno contribuito a definire il futuro della musica a Saint Louis.

KIM PLAINFIELD

Kim Plainfield ha insegnato lezioni private e tenuto corsi presso il Drummers Collective di NYC dal 1979 fino alla sua scomparsa. Per gran parte di quel periodo, ha ricoperto il ruolo di presidente della facoltà. La sua dedizione e competenza hanno lasciato un’impronta indelebile sulla comunità musicale locale, ispirando generazioni di batteristi. La sua passione per la musica e il suo impegno nell’insegnamento rimarranno un’eredità duratura, continuando a influenzare e motivare gli appassionati di batteria di tutto il mondo. Kim Plainfield sarà ricordato non solo come un insegnante eccezionale, ma anche come un mentore e un’icona nel mondo della batteria.

ENRICO PIERANUNZI

Enrico Pieranunzi, virtuoso pianista e compositore jazz di fama internazionale, ha illuminato il Saint Louis Music Center con una masterclass memorabile. Nel 2000, ha condiviso il suo genio musicale e la sua profonda conoscenza con gli allievi affamati di ispirazione. Attraverso le sue note fluide e le sue armonie ricche di sfumature, Pieranunzi ha trasmesso non solo le tecniche del jazz, ma anche la sua passione e la sua dedizione all’arte. L’incontro ha lasciato un’impronta indelebile, alimentando il fuoco della creatività e dell’espressione musicale nel cuore di Saint Louis.

JERRY HEY

Jerry Hey ha una carriera straordinaria che lo ha visto collaborare con una vasta gamma di artisti di fama mondiale. Ha suonato con George Benson, Nik Kershaw, Al Jarreau, Barbra Streisand, Donna Summer, Earth, Wind & Fire, Whitney Houston, Frank Sinatra, George Duke, Lionel Richie, Rufus e Chaka Khan, Natalie Cole, Aretha Franklin, Patti Austin, Toshiki Kadomatsu, Yumi Matsutoya, e molti altri. La sua abilità nel suonare la tromba e nel dirigere le sezioni di fiati ha contribuito a definire il suono di innumerevoli successi musicali attraverso generazioni di artisti. La sua presenza nei brani è sinonimo di qualità e raffinatezza, confermando il suo status di leggenda nella scena musicale internazionale.

ROSARIO GIULIANI

Rosario Giuliani nel 1996 vince il premio “Massimo Urbani”, mentre l’anno seguente vince il premio “Europe Jazz Contest”, assegnatogli in Belgio come miglior solista e miglior gruppo. Nel 2000 vince il Top Jazz nella categoria nuovi talenti, per il referendum annuale della rivista specializzata “Musica Jazz”. Le sue collaborazioni sono innumerevoli. Tra le altre ricordiamo quelle con Kenny Wheeler, Randy Brecker, Bob Mintzer, Cedar Walton, Phil Woods, Cameron Brown, Joe Locke.

GENE JACKSON

Gene Jackson, batterista, compositore e arrangiatore, è un artista solista internazionale che si è distinto diventando il perno ritmico di alcune delle classiche formazioni del jazz contemporaneo dagli anni ’80 in poi. Ha condiviso il palco con leggende come Herbie Hancock, Dave Holland e Wayne Shorter. Le sue collaborazioni includono anche nomi come Art Farmer, Christian McBride, Dianne Reeves, Kevin Eubanks, Eddie Gomez e Hugh Masekela. Da oltre un decennio, Jackson rivisita con creatività gemme del nostro patrimonio jazzistico, sia su disco che in concerto con il popolare New York Standards Quartet. La sua presenza scenica e la sua versatilità lo rendono un musicista di prim’ordine, apprezzato e ammirato da pubblico e critica in tutto il mondo.

MARTY FRIEDMAN

Con Mike Varney come produttore, Marty Friedman e Jason Becker incisero “Speed Metal Symphony” nel 1987. Classificare chiaramente il genere dell’album è complesso, poiché mescola elementi di heavy metal con influenze classiche e giapponesi. Le chitarre di Friedman e Becker sono in primo piano, con assoli veloci e tecnici, spesso eseguiti all’unisono, e melodie ben orchestrate.
Dopo il successo di “Speed Metal Symphony”, pubblicarono il secondo album “Go Off!” nel 1988. Sebbene di alta qualità, non replicò il successo del precedente e la band si sciolse. Friedman e Becker intrapresero strade diverse, rimanendo comunque stretti amici. Becker si unì alla band dell’ex Van Halen, David Lee Roth, ma più tardi fu colpito dalla SLA, mentre Friedman intraprese una carriera da solista e si unì alla thrash metal band Megadeth.

JEREMY PELT

Jeremy Pelt ha studiato tromba classica da bambino e si è poi concentrato sul jazz dopo aver suonato in un ensemble jazz al liceo. Ha studiato al Berklee College of Music. Tra coloro con cui ha suonato ci sono Ravi Coltrane, Roy Hargrove, Greg Osby e Cassandra Wilson. La sua carriera è caratterizzata da una straordinaria padronanza tecnica e da una profonda comprensione del linguaggio jazzistico. Con il suo stile unico e la sua versatilità, Pelt si è affermato come uno dei talenti più brillanti della sua generazione nel mondo del jazz. La sua musica continua a ispirare e ad influenzare musicisti e appassionati di tutto il mondo.

NICCOLO’ FABI

Niccolò Fabi è emerso nel panorama musicale italiano con il successo del suo primo singolo “Dica…” nel 1996, che gli ha aperto le porte del Festival di Sanremo 1997, dove ha vinto il Premio della Critica nella Categoria Nuove Proposte con “Capelli”. Poco dopo ha pubblicato il suo primo album “Il giardiniere”, seguito dal singolo omonimo nel 1997. L’anno successivo è tornato al Festival con “Lasciarsi un giorno a Roma”, seguito dall’album “Niccolò Fabi”. Ha inciso con Gazzè il brano “Vento d’estate”, vincitore della manifestazione Un disco per l’estate. Oltre ai successi citati, l’album contiene “Il male minore”, cover in italiano di “Barely Breathing” di Duncan Sheik, e la collaborazione con Frankie hi-nrg mc su “Immobile”.

ADAM ROGERS

Figlio di artisti di Broadway e musicisti, Adam Rogers ha iniziato a suonare pianoforte e batteria già a 5 o 6 anni. Si è “ossessionato” con Jimi Hendrix e ha iniziato a collezionare registrazioni di Hendrix dopo aver iniziato a suonare la chitarra all’età di 11 anni. Ha ascoltato molto le registrazioni di Hendrix e, a 14 anni, aveva imparato a suonare nello stile di Hendrix. È stato in questo periodo che è stato esposto alla musica di Charlie Parker, John Coltrane, Miles Davis e Wes Montgomery, iniziando a studiare jazz. I suoi insegnanti di chitarra includono John Scofield e Barry Galbraith. La sua formazione musicale e la sua passione per diverse influenze lo hanno reso uno dei chitarristi più versatili e stimati nel panorama musicale contemporaneo.

DOUG DOPPLER

Doug Doppler è un chitarrista statunitense rinomato per le sue abilità eccezionali e la sua vasta esperienza nel campo della musica. Dotato di tecnica e creatività straordinarie, Doppler ha lasciato un’impronta significativa nel mondo della chitarra. La sua passione per la musica si riflette nel suo lavoro, che spazia dal rock al jazz, passando per il blues e l’ambiente del culto. Oltre ad essere un musicista di talento, Doppler è anche un educatore appassionato, condividendo le sue conoscenze attraverso lezioni, seminari e risorse didattiche. La sua influenza si estende oltre il mondo della chitarra, ispirando e motivando musicisti di ogni genere e livello di abilità.

GIOVANNI TOMMASO

A 18 anni, Giovanni Tommaso inizia la sua carriera musicale lavorando come musicista nelle orchestre delle navi da crociera. Quest’esperienza gli permette di esplorare i locali jazz di New York tra il 1959 e il 1960, dove ha l’opportunità di incontrare grandi contrabbassisti come Paul Chambers, Ray Brown e Charles Mingus. Successivamente, forma un trio con Amedeo Tommasi al pianoforte e Gegè Munari alla batteria. Durante i suoi studi al Conservatorio di Bologna, ha l’occasione di suonare con Chet Baker, Amedeo Tommasi al piano e Franco Mondini alla batteria, dopo che il trombettista era stato detenuto a Lucca per problemi legati alla droga. Queste esperienze hanno contribuito a plasmare la sua eccezionale carriera nel mondo della musica jazz.

keyboard_arrow_up